venerdì 1 giugno 2012

Torta Margherita

Mi ricordo di quando, da bambina, mamma e nonna nominavano questo dolce alto, soffice e coperto di zucchero a velo e si preoccupavano del prepararlo, della sua riuscita, del timore che non crescesse come avrebbe dovuto e ricordo che avevo una sorta di timore reverenziale nei suoi confronti...
Ieri, in preda ad uno dei miei raptus da "prima volta", ho deciso che dovevo preparare la torta Margherita... la scusa l'avevo: mio figlio aveva ordinato una Maxi King per una grigliata con gli amici, ovviamente mi serviva un impasto di base, perchè no? Vada per la Margherita!!


academiabarilla.it
"Fino a qualche tempo fa, la torta Margherita era IL dolce delle Feste, in uso soprattutto al Nord e al Centro Italia. Probabilmente il suo nome lo deve alla forma che assume quando viene tagliata a fette radiali: grazie allo zucchero a velo spolverato in superficie e alla colorazione gialla dell'interno, dovuta alle uova, assume infatti le sembianze di una margherita, dove ogni fetta di torta rappresenta un petalo.
La torta Margherita originariamente era una torta molto povera, a base di farina, fecola, zucchero e uova: niente burro, niente olio, niente lievito. In pratica si trattava né più né meno di un pan di Spagna, cosparso di zucchero a velo in superficie: un dolce leggero e asciutto, ideale abbinato al latte o a un vino dolce.
petitchef.com
Presso molte famiglie c'era il rito dello scambio della torta Margherita: gli invitati portavano una torta e ad accoglierli trovavano una torta della stessa specie. L'abilità di confezionamento della torta Margherita è tutta nella sofficità, che viene ottenuta montando a neve fermissima gli albumi, i tuorli insieme allo zucchero, oltre alla cottura che deve essere controllata a vista.
Attualmente le ricette della torta margherita prevedono l'aggiunta di burro, o olio, e lievito chimico. I grassi aggiunti rendono l'impasto più scioglievole e più appetibile, mentre il lievito dà una grossa mano nella lievitazione consentendo di operare con molta più leggerezza durante la fase di sbattimento degli albumi e quando si incorporano le farine" - da www.cibo360.it




Ho eseguito questa ricetta: 150 gr farina, 120 gr fecola di patate (o amido di mais), 150 gr zucchero, 4 uova, 70 gr burro fuso, 1/2 bicchiere di latte, scorza di limone, pizzico di sale, 1 bustina di lievito per dolci. 

Montare a neve gli albumi con un pizzico di sale. Montare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro. Aggiungere il burro fuso a filo. Aggiungere al composto anche la farina, la fecola e il lievito setacciati. Aggiungere la buccia del limone grattugiato. Unire il latte. Unire anche gli albumi montati a neve . Imburrare e infarinare una teglia. Versare il composto e cuocere in forno a 180° per circa 50 minuti.


La ricetta originale è, tuttavia, questa: 


250 gr di amido di mais (maizena), 350 gr di zucchero, 8 uova.

Separare gli albumi dai tuorli e montarli a neve fermissima. Montare i tuorli con lo zucchero fino a che il colore non passa dall’arancio al giallo, quindi unire la fecola e mescolare bene. Unire gli albumi delicatamente, per non farli smontare. Versare il composto in una tortiera imburrata e spolverata di pangrattato e infornare a 190° in forno già caldo, dopo 20 min abbassare a 170° e cuocere altri 20 min. Se la torta tende a scurire troppo, abbassare a 160°.

N.B. In entrambi i casi utilizzare una tortiera da 26. Lasciare la torta nel forno semiaperto. Una volta fredda farcire a piacere o consumare al naturale cospargendo di zucchero a velo.

 ...e ricorda che il blog vive anche grazie ai tuoi commenti :P

Baci :) Raffa

8 commenti:

  1. mmmmmmmmmmmmmmm bbbbbbbbbbbbbbuona....evviva la semplicità!!

    RispondiElimina
  2. mi è venuta fame! so che è buonissima. slurp!
    Gabriella V.

    RispondiElimina
  3. ecco, la torta margherita. A pensarci sembra un dolce facile ed invece... richiede doti da alchimista! Non sono riuscita mai a farla con la ricetta originale... solo con l'aiuto del lievito riesco ad ottenere qualcosa di loontanamente somigliante...

    RispondiElimina
  4. Ho trovato la tua ricetta tra le tante torte margherita. ...dopo averla letta ho provato subito a farla! Adesso è in forno. ..nn vi dico ke profumino! !!! ! Grazie;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimoooooo :D fammi sapere come ti viene ;)

      Elimina
  5. Raffaela, buongiorno!

    Ho appena finito di preparare la torta, ma quando ho cominciato a mettere la farina con l'amido di mais e il lievito, l'impasto è diventato molto difficile da mescolare...è cosi? Ho messo subito il latte, e cosi sono riuscita a mescolare per bene.... :)
    Grazie!
    Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisabetta il procedimento è giusto... mi viene solo un dubbio... il burro lo avevi mescolato fuso, si? Cmq è normale che quando aggiungiamo gli ingredienti secchi l'impasto indurisca un po' e poi riammorbidisca aggiungendo il latte e gli albumi montati a neve... fammi sapere :)

      Elimina